The Structural Engineer's Corner

Eng. Onorio Francesco Salvatore

Staffe aperte o chiuse nelle travi?


Fritz Leonhardt viene da alcuni posto in contrapposizione con quanto vige oggi sul tema delle staffe. L’articolo di oggi prende spunto dai suoi testi per discutere di un tema spinoso: staffe aperte o chiuse nelle travi? Immagine di testata, dunque, che non poteva che essere dedicata a lui. Ma è vero che Leonhardt afferma che […]

Read the rest of this entry »

Come prescrivere le opere in calcestruzzo – parte V: copriferro minimo per le tensioni di aderenza con il calcestruzzo


Nella parte III degli articoli sul tema abbiamo accennato al copriferro da adottare per le nostre armature metalliche in funzione della categoria ambientale. In quell’articolo abbiamo visto una serie di esempi con condizioni ambientali diverse che davano luogo a copriferri diversi. Quello che ci chiediamo ora è: il copriferro dipende solo dalla classe ambientale? La […]

Read the rest of this entry »

Come prescrivere le opere in calcestruzzo – parte II: la difficile scelta della classe del calcestruzzo e la selva oscura degli “utili riferimenti”


Nella prima parte dell’articolo abbiamo visto come nel prescrivere il calcestruzzo da impiegare siano di fondamentale importanza sia la classe di resistenza quanto la classe di esposizione. Prima di passare in rassegna le altre indicazioni da fornire, desidero soffermarmi su un aspetto che più volte è stato evidenziato nell’articolo precedente: la normativa fissa dei valori […]

Read the rest of this entry »

Come prescrivere le opere in calcestruzzo – parte I: classe di resistenza e classe di esposizione


Un aspetto di fondamentale importanza nella progettazione strutturale è la prescrizione del calcestruzzo, ovvero indicare in maniera chiara caratteristiche quali composizione e resistenza meccanica, valori del copriferro e regole di manutenzione. In questa prima parte vedremo la prescrizione riguardante classe di resistenza e classe di esposizione, aspetti che risultano intimamente collegati. Nella seconda parte ritorneremo […]

Read the rest of this entry »

Spettri elastici DM2008 – calcolo dell’azione sismica e definizione spettri con Excel


Con questo articolo si mette a disposizione un foglio Excel che sicuramente tornerà utilissimo a molti.  Tale foglio, infatti, consente il calcolo dell’azione sismica in accordo con il DM 2008 e la relativa rappresentazione degli spettri. L’utilizzo del foglio è molto semplice ed il tutto è suddiviso per fasi. Nel foglio “Fase 1” si immettono […]

Read the rest of this entry »

Risposta sismica locale: parte I – definizioni e concetti


 1. INTRODUZIONE La progettazione strutturale di opere sismoresistenti richiede la conoscenza dei meccanismi che sottendono le genesi della forzante sismica, quali: 1) il meccanismo di sorgente; 2) la propagazione delle onde sismiche dalla sorgente al sito; 3) le modifiche spettrali della forzante sismica in funzione della geologia locale. Ragionando in tale direzione è possibile […]

Read the rest of this entry »

Influenza della geologia e degli spostamenti (SLE) nella progettazione delle paratie: un esempio pratico


Continua la collaborazione tra L’angolo dell’ingegnere strutturista e l’esperto di geologia e geotecnica Romolo di Francesco, già autore di un altro articolo pubblicato su queste pagine. Buona lettura. – 1. INTRODUZIONE Le paratie possono essere definite come strutture geotecniche interagenti con i fronti di scavo e costituite da una porzione fuori terra, soggetta a condizioni […]

Read the rest of this entry »

Norme tecniche costruzioni. Chiarimenti dal Ministero


Le nuove NTC si applicano ai lavori privati iniziati dopo il 30 giugno 2009, ma anche alle varianti alle costruzioni iniziate prima. Per le opere pubbliche invece, è consentita l’applicazione della normativa tecnica utilizzata per la redazione dei progetti (e fino all’ultimazione dei lavori e all’eventuale collaudo), e quindi anche quella previgente al DM 14 […]

Read the rest of this entry »

Terremoto in Abruzzo: le staffe, queste sconosciute…


Prima di azzardare qualsiasi conclusione sui crolli avvenuti in Abruzzo è opportuno che vengano svolte tutte le indagini del caso, ma a giudicare le prime immagini che arrivano da quei luoghi sembra che effettivamente ci siano un bel po’ di problemi. Giusto per citarne alcuni: scarso impiego delle staffe nei pilastri e nei nodi, se […]

Read the rest of this entry »