The Structural Engineer's Corner

Eng. Onorio Francesco Salvatore

Contacts

Written By: prostaferesi

For clarifications, suggestions or other, please contact Francesco Salvatore Honorius to the following e-mail:

onorio@strutturista.com

Alternatively, for opinions, career opportunities, business ventures, consulting offers, etc. the email is:

ofs@hotmail.it

The author can be reached on Linkedin by clicking the link below:

http://it.linkedin.com/in/francescosalvatoreonorio

For urgent matters, you can contact Francesco on the following phone number:

+61 458133802

The author is at your disposal and will try to answer you as soon as possible.

33 Comments

  1. amifigo says:

    ciao desidererei sapere come posso disegnare con sap2000 il momento di semi incastro sull’ultimo nodo del diagramma di inviluppo dei momenti delle combinazioni di carico allo SLU di una trave continua a 3 campate + sbalzo che rappresenta un solaio.

    Inoltre desidererei sapere se è possibile con sap stampare contemporaneamente sullo stesso foglio a4 il diagramma di taglio e di momento perchè io riesco a stampare un diagramma alla volta.

    GRAZIE


  2. Ciao, per questi diagrammi abbiamo sempre usato il programma Travecon del prof. Gelfi, ma se vuoi operare con il SAP ti basta modellare il nodo come incastro cedevole angolarmente, che rappresenta esattamente quello che accade nella realtà.
    A quel punto ti basta inserire una “spring” mediante l’apposito comando: Assign -> Joint Springs. Quello che ti chiede adesso il SAP è un valore della costante elastica, proprio come se tu dovessi modellare una trave continua su suolo elastico, concettualmente è la stessa cosa.
    Il valore della costante elastica lo devi calcolare imponendo che la rotazione in quel nodo sia pari a metà di quella che si avrebbe con una trave appoggiata-appoggiata, oppure leghi questa rotazione ad un certo valore del momento; in genere si assegna un valore del momento flettente pari a QL^2/36 o QL^2/24.

    Quindi, ricapitolando:

    – individui la rotazione del nodo tramite il momento;
    – avendo momento e rotazione con un solo passaggio ottieni la rigidezza elastica;
    – assegni questo valore tramite il comando “joint Spring”.

    Per quanto riguarda la seconda domanda, se ti interessano le sole immagini ti basta fare un “Capture Picture” del diagramma del momento, ripetere lo stesso comando per il diagramma del taglio, convertire le .BMP a .JPG (più leggere) ed inserirle nella relazione.

    CIAO


  3. PS.
    ti allego la deformata di una trave appoggiata-appoggiata con vincolo cedevole angolarmente e costante elastica calcolata come detto sopra:

    http://img519.imageshack.us/img519/907/64415992qv1.jpg

  4. Andrea says:

    Perchè non rendete disponibile per il download in unico file il testo di scienza d.c. di Borri?
    Grazie e ciao


  5. @ANDREA

    Perché il Prof. Antonio Borri non è in nessuna maniera collegato a questo sito, se non nell’elenco dei siti preferiti.

    Saluti.

  6. manfredo says:

    Ciao Francesco, come va ?
    1) Cosa pensi del procedimento suggerito dal Prof. Ghersi relativamente agli elemnti secondari secondo le NTC? E’ riportato a pag 172 del nuovo libro.
    2) Vi risulta che con la GDR non sia più possibile progettare “a filo” con relativa “spuntatura dei momenti” ?

  7. gaspare canino says:

    ho scaricato da ingegneri.info il suo file “calcolo azione sismica” purtroppo ho una versione di excel 2003 e quindi non riesco ad aprire il file. Mi può aiutare mandandomi “calcolo azione sismica” per excel 2003. grazie infinite
    saluti
    gaspare canino firenze

  8. carmine says:

    Spett.le Ing.,
    sono Carmine Salemme
    un Neo Ingegnere e volevo porle una questione che mi sta tormentando:
    esiste una galleria di 1,3 km e la si vuole rendere agibile
    insomma non si deve progettare ex novo
    ma ha bisogno di lavori
    mi saprebbe dare delle indicazioni
    la galleria è privata
    è ad una sola corsia con senso regolato da semafori e lunga 1,3 km

  9. Carmine says:

    ancorta un piccolo aiutino…
    per favore
    qualcuno ha idea di come realizzare un balcone su edificioo esistente?
    senza ricoprrere ai profilati di acciaio ma realizzando il balcone in latero cemento

  10. ORONZO DI CIAULA says:

    vorrei sapere gentilmente dall’ing.Onorio come posso intendere la spinta (in dan/m)sul muro di sostegno calcolata dal programma OFS.distribuita in quale senso della parete?la posso inserire ad h/3 dalla base e per tutto lo sviluppo in pianta della parete stessa?

  11. david says:

    ciao ragazzi volevo sapere se conoscete un programma che mi calcoli il digramma momento curvatura delle sezioni delle travi. Io ho provato con USC RC ma non distingue i diversi diametri delle armature, e poi in una sezione non armata ugualmente sisopra che sotto (cioè in modo non simmetrico ) dovrei avere due digrammi diversi. Tutto ciò mi serve per creare le cerniere plastiche su un mio telaio e fare l’analisi pushover.
    Grazie

  12. Gianluca says:

    Buongiorno a tutti
    ho modellato una struttura con il sap v11 ed ho notato che i risultati che ottengo a video sono corretti,
    ma quando vado a leggere le tabelle exel di output i valori sono errati. In particolare i valori sono giusto ma la posizione della virgola sembra essere casuale. Quindi cambiando la posizione della virgola manualmente ottengo i valori giusti ma il problema è che la sua posizione è casuale.
    qualcuno sa dirmi come risolvere questo problema?

  13. Afazio says:

    @Gianluca
    l’errore viene commesso nella fase di impor dei dati in excel. Devi meglio controllare i settaggi “internazionali” di excel e stabilire la virgola giusta al punto giusto.

  14. Gianluca says:

    o anche a cambiare le opzioni inetrnazionali di exel ma non funzina..


  15. @Gianluca
    Si, l’errore lo si ha nell’importazione dei dati in Excel, che li legge come generiche stringhe anziché come numeri.
    Che la posizione della virgola sia casuale comunque è strano.
    Al limite, cambia SAP, magari hai una release buggata.

  16. Mario says:

    Ciao Francesco,
    Volevo solo farti i complimenti per il blog è molto bello e molto curato. Ricco di spunti.

    Ciao
    Mario

  17. andrea says:

    Salve, sto utilizzando il sap2000 per una verifica su un jacket di 141 metri su un fondale di 125,2. Nell’immettere i dati relativi al carico d’onda, il programma mi richiede un valore da inserire alla voce: Global Z Coordinate of Vertical Datum.

    Potrei sapere da voi di cosa si tratta?

    Grazie, Andrea

  18. luca says:

    Ho scaricato il cad dei bulloni e delle viti ed il sagomario (appena visto sembra utile) Vorrei suggerirti di incrementarlo con i profili formati a freddo nei quali io personalmente in questo momento mi sto inbattendo con la relizzazione di un foglio di excell per la verifica delle lamiere con carichi concentrati distribuiti, ecc. Tipo quello della stdata che però costa errotti ed errotti eurii!. Se ti interessa possiamo testarlo insieme.
    se ti va di rispondermi procedi con e-mail .
    Ps. ho problemi per la determinazione della costante di ingobbamento Iw per lamiera grecata, hai un suggerimento da darmi?
    Buona serata e complimenti per il tuo iter!Ciao Luca .

  19. Giulio says:

    Ciao! Cerco disperatamente materiale riguardante rulliere e slitte di scorrimento per il varo di ponti. Non trovo materiale!!

    GRAZIE

  20. nicola says:

    ciao,innanzitutto complimenti per il sito,devo rinforzare i nodi trave colonna di un edificio esistente e guardando su forum e altro e ho notato alcune tipologie con angolari oppure piastra e barre filettate.in quest’ultimo caso dimensionano utilizzando la formula 7.4.11 delle norme per la verifica del nodo trovando l’area Ash.volevo chiederti se impiegando gli angolari e piastre tale metodo e’ valido e se si come dimensiono gli angolari e le piastre in funzione della Ash trovata,e lo stesso per il diametro delle barre filettate nell’altro sistema?per un nodo interamente confinato che intervento faresti

  21. Giulio says:

    Ciao a tutti, devo assolutamente ridurre i carichi di progetto di un solaio in legno con cappa collaborante. Su tale impalcato ho previsto un carico permanente da tramezze pari a 1.60kN/mq, anche se esse NON sono previste trattandosi di un unico ambiente. Posso ridurre tale carico o addirittura ometterlo dato che nel progetto non c’è nulla, oppure devo comunque come ho sempre fatto… prevedere l’intervento del futuro progettista che con semplice DIA mi fa uscire di senno le tensioni? Esiste un qualche autorevole riferimento progettuale? Meglio inserire delle prescrizioni? E’ lecito farlo? Grazie in anticipo.

  22. JOhn S Notarnicola says:

    Caro Dott….
    vorrei trasferire la mia licenza di strutturista, da qui ,in New York, a li’ in Italia…
    per motivi familiari lo devo fare per forza….”its Crazy …I know”….pero’ lo devo fare …..mi puoi dire che devo fare….

    mOLTO GRAZIE ..jOHN

  23. fausto says:

    Ho la necessità di un Tecnico che mi faccia una perizia giurata per l’ascensore condominale. Potete indicarmi qualche nominativo?
    La perizia è stata richiesta dal comune di roma per la richiesta assegnazione matricola.

    Saluti

    fausto d’amore

  24. Pietro says:

    chiaro e competente. grazie per gli interessanti articoli.

  25. barbara says:

    gentile ing. onorio ho da porle un quesito relativo alle verifiche a compressione di murature a sacco.
    Devo verificare una muratura con nucleo interno di 40 cm costituito da pietre informi e calce, posto tra 2 paramenti esterni in pietra di calcarenite di 20 cm ciascuno, collegati con semidiatoni. Grazie alla presenza dei collegamenti trasversali (anche se non passanti) e ad una certa consistenza del sacco, la muratura in questione dovrebbe avere un comportamento monolitico sia sotto le azioni orizzontali, sia sotto i carichi di punta. Ad ogni modo, contrariamente a quanto ho letto su diverse pubblicazioni, credo che la distribuzione del carico verticale, anche qualora quest’ultimo insista sul solo paramento interno, non sia del tutto omogenea sull’intero spessore del muro ma per effetto della non omogeneità dei materiali, sia maggiormente concentrata sui paramenti esterni e molto meno concentrata sul nucleo interno avente minore rigidezza.
    Ciò detto, vengo al nocciolo della questione e le chiedo se è giusto verificare la muratura con spessore da 80 cm o se è più giusto verificarla con uno spessore ridotto che tenga conto della disomogeneità della sezione ed in tal caso quale dovrebbe essere lo spessore da adottare (non credo quello del singolo paramento perchè quota parte del carico verticale sul paramento interno migra anche nel nucleo).


  26. GE_antwOrT:

    gentile ing. Gli miei InSEgnamEnTi Costano 180 EurO ogni 60 minuti.

    vedo che non sbaglia ad scrivere ing riferito alla sua persona che piu´ che fisica non puo´ essere per come Lei scrive.

    Dott2°.Ing.Arch.Giovanni Colombo

  27. francesca says:

    sono una studentessa di ingegneria…il prof all’esame ha chiesto perchè si arma in zona compressa. Abbiamo pensato con le mie colleghe che possa derivare dal fatto che in zona compressa con le armature si aumenti la duttilità e che esse funzionino da reggistaffe, ma non siamo sicure. Potreste aiutarci a dare una risposta più completa? Grazie

  28. Luciano Bellini says:

    Buongiorno,
    ho provato a scaricare i file del calcolo della trave continua e degli spettri di azione sismica, dopo essermi iscritto a box , ma mi dice che non sono più esistenti oppure non sono disponibili per me. C’é qualcosa che possa fare in merito? se volessi acquistare gli altri a pagamento sono tuttora disponibili?
    grazie per la risposta

  29. Giovannino says:

    QUALI TRAVI SI Ing._CalColano al giorno d’Oggi, SE TUTTI/E COMPRANO PROGRAMMI DI CALCOLO CHE FUNZIONANO BENISSIMO…SI FIGURI ESISTONO ANCHE PER FARSI DEI MINI REATTORI NUCLEARI PERSONALIZZATI SECONDO CONSUMO….CHE PERICOLO CI PUO’ ESISTERE AD VENDERE PROGRAMMI DI CALCOLO STRUTTURALE?

  30. Giovannino says:

    Inerente alla studentessa….
    CERTAMENTE LEI PENSI I PROBLEMI PER METTERE I PIEDINI PER IL COPRIFERRO…..

  31. Camillo Campitelli Torrieri says:

    Caro Ingegner Francesco, bravo!
    Non so se hai del materiale informativo
    cartaceo che potresti inviare a domicilio,
    per esempio sugli isolatori sismici,
    intendo libri e/o articoli che hai pubblicato,
    quindi non da stampare, ma se li hai li
    potrei acquistare con pagamento in contrassegno.
    Ciao, Camillo
    (indirizzo: Via per Fossacesia, 130
    – 66034 Lanciano (Chieti) Abruzzo).

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *