The Structural Engineer's Corner

Eng. Onorio Francesco Salvatore

Il Viadotto di Somplago: vanto dell’ingegneria antisismica friulana (e italiana!)

Written By: Francesco Salvatore Onorio - Feb• 08•11

Nella giornata di ieri una mail del dr. ing. Renzo Medeot, tecnico di levatura mondiale in materia di ingegneria antisismica e già esperto in isolamento sismico negli anni ’70, ha consentito di fare un’interessante precisazione a proposito del viadotto di Somplago, il quale rappresenta il primo caso di seismic isolation di una struttura da ponte. La nota in questione la potete trovare nell’articolo “Isolamento sismico: le tappe storiche dal 1266 ad oggi“.

L’articolo che di seguito vengo a riportare, invece, è stato scritto su invito della Società Scientifica-Tecnologica Friulana (Societât Sientifiche e Tecnologjiche Furlane), in occasione del suo 8° Congresso Annuale e mi è stato gentilmente inviato dall’autore stesso, ovvero Renzo Medeot.

Non me ne vogliano i lettori se lascio l’articolo scritto in friulano (ma il testo è ricco di note per i termini più ostici), d’altronde, sebbene io mi senta “cittadino del mondo“, sono napoletano di nascita…

1.‐ Fin
Il fin di cheste presentazion al è chel di sclarî in curt lis resons che nus consintin di contindi (*) che la moderne inzegnerie sismiche e nassé in Friûl, ancjemò prime che la nestre piçule patrie fôs batûde(¤) dal taramot dal 1976.
Inmò, tai agns daspò, simpri in Friûl a son vignudis fûr grandis inovazions, un alc che al somee discognossût insìn ai esperts in chest branc de inzegnerie.

2.‐ Jentrade

Il Viadot di Somplât al figure di jessi la prime struture di puint al mont a sei stade ideade fintremai dai prins stadis dal progjet (1974) seond la strategìe dal isolament sismic e indotâde cui prins aparâts antisismics.
Chescj ultins a son definîts come chei implants mecanics, che, oportunementri insedâts intune struture, a consintin di modificâ positivementri la sô rispueste a lis azions sismichis.
I aparâts dal Viadot di Somplât a jerin za instalâts di pôcs mês quant che al capità il taramot dal 1976.
Chest fat nus consint di afermâ che si trate di un câs di prevenzion e no di un rimiedi, sicu scuasit simpri al sucêt tal camp de inzegnerie sismiche.
Par une serie straordinarie di coincidencis, chest acjadiment sismic a si è cjatât a marcâ une clare e nete discontinuitât intal mût che in Italie si frontavin i taramots.
Chest al è sucedût prin e soredut intai camps sientific, tecnic e progjetuâl, ma ancje tai sistems ministratîv e legjislatîv.
Ma in chê ocasion l’Italie e fasé ancje di plui, val a dî la continuazion de Autostrade A23 fintremai ai confins cun l’Austrie, 44 chilometris là che vegnin a cjatâsi une vore di struturis di puint, dutis inspirâdis ai gnûfs criteris progjetuâi adotâts pal Viadot di Somplât.
Difat, une leç une vore discutibile dal 1977 e veve blocât dutis lis costruzions des autostradis, cjonçant lis alis a chel impuls entusiast che nus veve puartât a sei il paîs cu la rêt di infrastruturis plui moderne e une vore plui largje d’Europe.
Par une man di agns la uniche autostrade construîde in deroghe a la leç che o vin dite je stade justeapont la Cjargne‐Tarvis, deliberade “per aumentare gli investimenti produttivi in un territorio così provato dal sisma”.
Cheste autostrade deventà partant la palestre là che si trenarin(Δ) progjetiscj di puints e construtôrs di aparâts antisismics, che àn podût sbrocâ (◊) dute la lôr fantasìe e il gjeni creatîf, mediant che no esistevin specificis Normis che lu inderedàs (•).

3.‐ Il Viadot di Somplât
Il viadot al consist di dôs struturis indipendentis e l’implant static al è chel a travamente(θ) continue.

Figure 1: Il Viadot di Somplât ‐ Viste in elevazion.

La lungjece in dut dal Viadot di Somplât e je di 1239,60 m.

Figure 2: Il Viadot di Somplât : Viste dal ajar.

La sô costruzion e dure dal 1975 al 1980 e cjape dentri duncje i trê acjadiments sismics principâi dal 6 di Maj, 11 e 15 dal Setembar 1976, di magnitûd 6,4 de scjale Richter.

Figure 3: Il Viadot di Somplât – Viste dulinsù dal bocon ch’al travierse il lât di Cjavaç.

Par ridusi la rispueste sismiche lis dôs struturis indipendentis, impen di sei leâdis in mût stagn(o) tanche tes soluzions convenzionâls, a son zontâdis cu lis spalis nord a mieç di slaifs(ΔΔ) antisismics di fate elastiche, che àn la funzion di slungjâ il periodi fondamentâl di trindulament(#) de struture, morestant(‡) cussì positivementri e concretementri i efiets dal sisme.
In chest mût si realize il cussì‐clamât “isolament sìsmic”, une strategie progjetuâl che in dì di vuê e je universalmentri ricognossude come un dai imprescj plui possents tes mans dai progjetiscj par difindi lis struturis cuintri i atacs disastrôs dai taramots.
Lis specificazions a prescrivevin che il slàif antisismic dal Viadot di Somplât al presentàs in struc une condote(Ф) lineâr (une sorte di gruesse suste), buine di resisti tai doi sens a une impuartante fuarce assiâl (12 MN), cuntune rigjidece ben definîde (180 MN/m), in mût di podê slungjâ il periodi fondamentâl di trindulament de struture fintremai a 2,6 s.
Sul marcjât no esisteve nuje di pareli e chest autôr scugnì ideâ un gnûf gjenar di aparât, ch’al è inlustrât tes figuris seguitîvis.

Figure 4: Il slaif antisismic dal Viadot di Somplât
intant di trazion – FIP Industriale SpA – Padue.

Figure 5: Une cubie di slaifs antisismics dal Viadot di Somplât
in chê volte de lôr instalazion (principi dal 1976).

Figure 6: Un slaif dal Viadot di Somplât come che s’imparìs(◊◊) in dì di vuê
daspò di une invernisade.

Seond la Norme Europeane EN15129‐Anti‐seismic Devices, passade maimodant, il slaif antisismic dal Viadot di Somplât e sarès classificât come “Aparât Lineâr”, par tant dotât di scjarse capacitât di dissipâ energjie.

Figure 7: Curve carateristiche fuarce viers deformazion di un slaif anti‐sismic.

4.‐ La Autostrade Cjargne‐Tarvis
Graciis a la esperience madressude cul Viadot di Somplât, il grop Autostrade‐Spea al frontà il progjet dai puints dal toc seguitif de la autostrade A23 (la Cjargne‐Tarvis) mediant di strategjiis rivoluzionariis par chei timps, che jerin comprensivis di scuasit ducj i modernis recuisîts antisismics.
Chestis struturis jerin realizadis par sei durabilis, siguris e ancje rivuardosis dal ambient naturâl traviersât.
A son di une bielece “lindule”, leade a la lôr essenzialitât e a la lôr carateristiche di funzionalitât che si concepissin(†) ancje a prin tîr.
Seond une filosofie progjetuâl e une terminologjie ideadis dal inzegnîr Gabriel Camomilla de Societât Autostrade, chescj puints a jerin (e inmò a son) “ecotecnics”.
In analogjie cul Viadot di Somplât, ducj i impalcâts a jerin a travamente continue e sezion a scjatule, ma l’isolament sismic al jere estindût ancje a la direzion travierse.
In cheste Autostrade a si doprarin i prins aparâts bogns di dissipâ energjie, ricorint partant ancje al secont possent imprest disponibil al moment ai progjetiscj.
Si trate dai slaifs dal Viadot Fele 1 (Prof. Grandori ‐ 1980), cu la curve carateristiche rafigurade te Figure 8 chenti chi disot.

Figure 8: Curve carateristiche dai slaifs antisismics dal Viadot Fele 1.

Figure 9: I slaifs isteretics dal Viadot Fele 1 ‐ 1980
(ALGA SpA – Milano).

Figure 10: La batarìe di 3 slaifs isteretics dal Viadot Fele 1
in ch ê volte de lôr instalazion.

Tai puints seguitîfs de midiesime Autostrade si utilizà une altre fate di slaif ideât tal 1981 di chest autôr, che al mostre la stesse curve carateristiche bi‐lineâr dal precedent, ma funzionant cuntun principi fisic dal dut disferent.
Si trate in essence di un cilindri çondar di gruessis dimensions cjariât dilunc l’as principâl, là che a la fase elastiche iniziâl (prin branc da curve), e ten daûr une trate a fuarce dibot constante otignude par instabilitât elastiche di fate radiâl.

Figure 11: Deformazion par instabilitât elastiche radiâl dal cilindri çondar dilunc de fase di slontanament tra spale e impalcât.

Figura 12: Curve carateristiche dal slaif antisismic a cilindri çondar.

Figure 13: Baterie di slaifs de fate a cilindri çondar. Dade la so compatece,
a son stâts instalâts tra la spale e l’impalcât. (FIP Industriale ‐ Padue).

Il problem de utilizazion di un aparât ancjemò plui compat si presentà intal Viadot Passerella de midiesime Autostrade Cjargne-Tarvis. Par sodisfâ cheste esigence, chest autôr svilupà tal 1983 un aparât clamât in chel timp “amortizadôr oleodinamic”, ch’al riproduseve une vore ben la curve isteretiche specificade.

Figure 14: Scheme dal amortizadôr idraulic dal Viadot Passerella e
la sô curve carateristiche.

Chest aparât al pò sei considerât, almancul in Italie, il pidâl di ducj i amortizadôrs idraulics che in dì di vuê a son cetant doprâts inte inzegnerie sismiche.
I amortizadôrs idraulics svilupâts in tal forest (France, Anglie e Stâts Unîts d’Amèriche) a son il risultât di un adatament a lis aplicazions civîlis di aparâts doprâts in tal camp militâr.

La costruzion de Autostrade Cjargne‐Tarvis e à rapresentàt pe industrie taliane intal camp dai aparâts struturâi une ocasion uniche par svilupâ lis gnovis tecnologjiis antisismichis che il marcjât veve di bisugne di vê par tradusi in pratiche lis nassintis strategjis progjetuâls.

Ce che al è stât dit parsore vie, adun cun altris impuartantis inovazions tal camp des tecnichis construtivis, puartà a definî la A23 “la autostrade dai primâts”.

5.‐ Conclusions
Il Viadot di Somplât e figure di sei la prime struture di puint al mont a jessi stade ideade inmò dai prins stadis dal progjet (1974) seond la strategjie dal isolament sismic e indotade cui prins aparâts antisismics.
Il Viadot di Somplât rapresente un câs di prevenzion e no di un rimiedi, stant che i siei aparâts antisismics a jerin za instalâts cuant che al vignì il taramot dal 1976.
Graciis a la esperience madressude cul Viadot di Somplât, si frontà il progjet dai puints de autostrade Cjargne‐Tarvis mediant di strategjiis rivoluzionariis par chei timps, che jerin comprensivis di scuasit ducj i modernis recuisîts antisismics.
Inte stesse autostrade, ancjemò dongje al isolament sismic, si doprà pe prime volte ancje la disipazion energetiche e a chest fin si sviluparin i prins slaifs isteretics e i prins amortizadôrs idraulics.
La costruzion de Autostrade Cjargne‐Tarvis e à rappresentât pe industrie taliane intal camp dai aparâts struturâi une ocasion uniche par svilupâ lis gnovis tecnologjiis antisismichis des cualis il marcjât al veve di bisugne par tradusi in pratiche lis nassintis strategjiis progjetuâls.
In conclusion, tal Friûl la moderne inzegnerie sismiche e à môt i siei prins pas e si è imponude la filosofie progjetuâl che smire(##) a morestâ i efiets devastants dal taramot invezit di contrastâju mediant dal rinfuarç des struturis.

–––––––––––––––––––––––––––––––

Notis:

(*) affermare

(¤) colpita

(Δ) allenarono

(◊) dar sfogo a

(•) impedisse

(θ) travata

(o) rigidamente

(ΔΔ) ritegni

(#) oscillazione

(‡) mitigando

(Ф) essenzialmente un comportamento

(◊◊) appare

(†) percepiscono

(##) tende, mira

–––––––––––––––––––––––––––––––

Bibliografìe

[1] Giorgio NiccoliniViadotto di Somplago a Cavazzo Carnico (Udine) per l’Autostrada Udine-Carnia – L’industria italiana del cemento – maggio 1982.

[2] Renzo MedeotDispositivo Antisismico a Compressione a Doppio Effetto – Nota Tecnica PR13/75 della FIP Industriale , Padova – settembre 1975.

[3] Gabriele CamomillaTerremoto: un ”drago” addomesticabile – Rivista “Le Strade” – Edit. “La Fiaccola” – luglio 2009

Ringrazio Renzo Medeot e sono onorato di ospitare un Suo testo su questo sito.

2.‐ Jentrade

Il Viadot di Somplât al figure di jessi la prime struture di puint al mont a sei stade ideade fintremai

dai prins stadis dal progjet (1974) seond la strategìe dal isolament sismic e indotâde cui prins

aparâts antisismics.

Chescj ultins a son definîts come chei implants mecanics, che, oportunementri insets intune struture, a consintin di modificâ positivementri la sô rispueste a lis azions sismichis.

I aparâts dal Viadot di Somplât a jerin za instalâts di pôcs s quant che al capità il taramot dal

1976.

Chest fat nus consint di afermâ che si trate di un câs di prevenzion e no di un rimiedi, sicu scuasit simpri al sucêt tal camp de inzegnerie sismiche.

Par une serie straordinarie di coincidencis, chest acjadiment sismic a si è cjatât a marcâ une clare e nete discontinuit intal mût che in Italie si frontavin i taramots.

Chest al è sucedût prin e soredut intai camps sientific, tecnic e progjetuâl, ma ancje tai sistems ministratîv e legjislav.

Ma in chê ocasion l’Italie e fa ancje di plui, val a la continuazion de Autostrade A23 fintremai ai confins cun lAustrie, 44 chilometris che vegnin a cjatâsi une vore di struturis di puint, dutis inspirâdis ai gnûfs criteris progjetuâi adotâts pal Viadot di Somplât .

Difat, une leç une vore discutibile dal 1977 e veve blot dutis lis costruzions des autostradis, cjonçant lis alis a chel impuls entusiast che nus veve puartât a sei il paîs cu la rêt di infrastruturis

plui moderne e une vore plui largje d’Europe.

Par une man di agns la uniche autostrade construîde in deroghe a la leç che o vin dite je stade justeapont la Cjargne‐Tarvis, deliberade per aumentare gli investimenti produttivi in un territorio

così provato dal sisma”.

Cheste autostrade deventà partant la palestre là che si trenarin(∆) progjetiscj di puints e construtôrs

di aparâts antisismics, che àn podût sbrocâ () dute la lôr fantasìe e il gjeni creaf, mediant che no

esistevin specificis Normis che lu inderedàs (•).

–––––––––––––––––––––––––––––––

Notis:

(*) affermare

(¤) colpita

() allenarono () dar sfogo a (•) impedisse

1

Per chiarimenti, segnalazioni ed altro è possibile contattare il sottoscritto a:

onorio@strutturista.com

Ing. Onorio Francesco Salvatore

You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 feed. You can leave a response, or trackback from your own site.

4 Comments

  1. Massimo B. says:

    Ottimo articolo…peccato che alcuni termini siano indecifrabili…

  2. Enrico says:

    e bravo Francesco, dopo Ghersi pure Medeot?? 🙂
    però voglio la traduzione in italiano!! :))

    salutoni.
    Enrico

  3. Atyrau says:

    Fra’, quando hai fatto gli articoli in inglese riuscivo a seguirti seppure con un poco di diffocoltà… ma ora… aiutoooo, non ci capisco nulla! Francesco, traduzione please!!!

  4. Francesco Salvatore Onorio says:

    Sono contento che sia stato di vostro gradimento.

    Purtroppo per la traduzione in italiano non contate su di me, che, come detto, sono napoletano di nascita. L’articolo era destinato alla Società Tecnologica Friulana, sono io che, dopo aver ricevuto l’articolo, ho spinto per la pubblicazione.

    Cari saluti a tutti voi.

    Francesco

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *